small_140318-172409_to180314spo_037_edit

TIRRENO ADRIATICO

DAL 10 AL 16 MARZO 2021

Per essere aggiornato sulla gestione dell'evento

Informazioni generali

Questa sarà la 56a edizione, e il dato fa già capire quale sia il posto della Tirreno-Adriatico nel calendario mondiale. La corsa più bella dopo i tre grandi giri. La prima vera sfida di primavera. E pensare che per tanti, troppi anni era stata considerata soltanto la preparazione verso la Milano-Sanremo. Certo, era un altro format, più vicino ai cacciatori di classiche che non ai corridori completi da corse a tappe, però nell’ultimo decennio abbiamo visto davvero il meglio del mondo. L’albo d’oro ne rappresenta la prova: dal 2009 hanno vinto Scarponi, Garzelli, Evans, due volte Nibali, Contador, due volte Quintana, Kwiatkowski, Roglic e, nel 2020, Simon Yates davanti a Geraint Thomas. Più l’olimpionico Van Avermaet nel 2016, quando venne cancellato l’arrivo in salita per maltempo. Sette tappe che tagliano l’Appennino. Da Lido di Camaiore a San Benedetto del Tronto, dove la cronometro finale cambia senso di marcia rispetto al percorso classico.

Fonte, La Gazzetta dello Sport

7 giorni 7 tappe

L’evento si concretizza e declina come una manifestazione sportiva di ciclismo.

Gli atleti sono professionisti del ciclismo.

TAPPA 1

10/03 - Lido di Camaiore

Percorso
Tappa suddivisa in due parti entrambe in circuito. Nei primi 90 km circa si percorre 3 volte il circuito del Monte Pitoro (salita dal versante Stiava) di circa 24 km scendendo su Camaiore. Dopo il terzo passaggio si iniziano tre giri quasi completi di un grande circuito di circa 29 km tra Pietrasanta e Lido di Camaiore completamente pianeggiante con finale in volata al Lido di Camaiore.
Ultimi KM
Gli ultimi chilometri sono perfettamente pianeggianti costituiti da lunghi rettilinei con solo due curve nel finale. Arrivo su asfalto larghezza 8 m.

TAPPA 3

12/03 - Monticiano / Gualdo Tadino

Percorso

Tappa ondulata nella prima parte e sostanzialmente pianeggiante nella seconda. Dopo un breve circuito iniziale a Chiusdino si attraversa il ancora il Senese per Murlo e Asciano prima di giungere a Cortona e poi in Umbria attraverso l’unico GPM di giornata al Poggio della Croce. Ridiscesi su Gubbio si percorrono strade prevalentemente diritte e pianeggianti fino all’arrivo.

Ultimi km

Ultimi chilometri per la prima parte ondulata e quindi prevalentemente a salite. All’ultimo chilometro si segnala una svolta piuttosto accentuata verso sinistra dove comincia il finale dapprima con ampie curve per finire in rettilineo. La retta finale è in leggera salita con pendenze attorno al 4%. Linea di arrivo su rettilineo in asfalto larga 8.

TAPPA 5

14/03 - Castellalto / Castelfidardo

Percorso
Tappa molto impegnativa nel finale con la consueta cavalcata della costa Adriatica nella prima parte. Partenza da Castellalto con sfilata cittadina interamente in discesa per raggiungere il fondovalle. Dopo il via si percorrono circa 100 km su strade ampie e rettilinee (prevalentemente lungo la costa) per raggiungere Castelfidardo.
Ultimi KM
Ultimi chilometri con diversi saliscendi con pendenze a salire anche in doppia cifra dopo San Rocchetto. Ultimo chilometro articolato nell’abitato di Castelfidardo sempre in marcata salita fino alla retta di arrivo su asfalto.

TAPPA 2

11/03 - Camaiore / Chiusdino

Percorso
Tappa mossa e articolata specialmente nella seconda parte. Partenza da Camaiore e attraverso la pianura Pisana si raggiunge Volterra toccando Pisa, Ponsacco e Lajatico. Si entra poi nel Senese con una serie di saliscendi più o meno impegnativi tra Rosia, Casciano di Murlo e Monticiano (GPM a Poggio alla Croce). Superata la piana dell’abbazia di San Galgano si sale all’arrivo di Chiusdino.

Ultimi km
Ultimi km prevalentemente in salita caratterizzati da numerose curve. Arrivo su asfalto,

carreggiata di 7 m.

TAPPA 4

13/03 - Terni / Prati di Tivo

Percorso
Tappa con arrivo in salita. Si raggiunge la massima quota di questa Tirreno-Adriatico al GPM a Prati di Tivo a 1450 m. Percorso breve, ma molto intenso. Salita alla Forca di Arrone per entrare nella piana reatina. Segue l’attraversamento di Rieti per affrontare la Sella di Corno seguita dalla lunga discesa verso l’Aquilano. Si affronta quindi la salita al Passo Capannelle classificata GPM Superior. 
Ultimi KM
Salita finale lunga 14.5 km al 7% di media con punte fino al 12%. Conta 22 tornanti e presenta le maggiori pendenze nella prima parte con punte durante l’attraversamento di Pietracamela dove è lo sprint intermedio. Ultimi tre chilometri al 7%. Rettilineo d’arrivo di circa 200 m su fondo asfaltato, arrivo largo 7 m.

TAPPA 6

15/03 - Castelraimondo / Lido di Fermo

Percorso
Tappa ondulata nella prima parte e in seguito quasi pianeggiante con un finale in circuito (1 giro grande e 4 piccoli) non particolarmente impegnativi altimetricamente. Giunti nel Fermano si passa sul traguardo per percorrere il giro lungo che sale fino a Fermo prima di ridiscendere ai Tre Archi e passare nuovamente sull’arrivo.
Ultimi KM
In seguito si percorrono quattro giri corti con la breve ascesa del primo chilometro della salita di Capodarco prima di dirigersi nuovamente su San Marco e quindi giungere all’arrivo. Rettilineo di arrivo in piano larghezza di 8.5 m, fondo asfaltato.

TAPPA 7

16/03 - San Benedetto del Tronto

Percorso
Cronometro individuale di 11.1 km con percorso nuovo rispetto agli ultimi anni. Partenza dallo Stadio delle Palme e passaggio sotto la ferrovia per portarsi sulle strade del percorso classico, ma con direzione opposta. Si scende verso Porto d’Ascoli per poi giungere in Piazza Salvo d’Acquisto e con un giro di boa risalire il lungomare verso nord. Da segnalare un breve cambio di carreggiata dopo il km 6 di corsa. Dopo il porto si risale ancora verso Grottammare per girare attorno al vecchio stadio e dirigersi a sud per raggiungere l’arrivo. Percorso prevalentemente su strade rettilinee, larghe e asfaltate.
Ultimi KM
Ultimi 3 km su strade ampie e prevalentemente rettilinee con diverse svolte ad angolo retto. Ultima doppia curva a 300m dall’arrivo. Carreggiata di 8 m, fondo asfaltato.

Percorso completo di gara

Immagine-Canvas-Percors-TIAD-2021_no-Lig

Organizzazione

In ottemperanza alle misure anti-Covid dell'ultimo DPCM l'evento si svolgerà in assenza di pubblico. In funzione delle esigenze sportive alcune porzioni del percorso, in particolare in prossimità dell’area di partenza e di arrivo, saranno chiuse al traffico veicolare; la restante parte del percorso avrà limitazioni temporanee al traffico veicolare e al pubblico.

L’elenco della viabilità modificata o interdetta al traffico veicolare con le relative fasce orarie è indicato sulle ordinanze municipali emesse dai Sindaci dei Comuni attraversati dal tracciato di gara. Gli stessi, unitamente alle FF.O., alle Polizie Municipali dei diversi Comuni attraversati e con il supporto di Associazioni di Volontariato di Protezione Civile, assicurano la fruibilità del percorso e il controllo della viabilità ordinaria intersecante.

Tutte le aree attrezzate richieste da RCS saranno presidiate da responsabile di area, in grado di attivare le procedure di emergenza. Le aree di Partenza/Arrivo si caratterizzano sempre come spazio all'aperto. Fatte salve le transenne posizionate a protezione del percorso di gara e degli atleti, e le aree ad accesso limitato con invito o pass, non sono previste delimitazioni al libero movimento delle persone. Gli spazi destinati alla manifestazione garantirà ai fini della sicurezza una rapida evacuazione, con possibilità di sfollamento anche verso aree adiacenti, costituenti spazio a cielo libero, nonché attraverso le arterie che perimetrano e intersecano l’area.